Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lavoro

Quali sono le malattie professionali muscolo-scheletriche?

Per il riconoscimento delle malattie osteoarticolari come professionali da parte dell’Inail è sufficiente dimostrare all’Istituto che l’attività lavorativa abbia semplicemente aggravato la situazione patologica esistente, senza quindi esserne la causa esclusiva
LAVORO - In Italia oltre il 60 percento delle malattie professionali denunciate è rappresentato dalle patologie muscolo scheletriche, ovvero quelle malattie dovute a sovraccarico biomeccanico da utilizzo della forza, esecuzione di movimenti ripetuti, mantenimento di posizioni costrette, tempi di recupero insufficienti etc. In sostanza si parla di malattie che colpiscono gli arti superiori, quelli inferiori e la colonna vertebrale, con particolare riferimento al tessuto connettivo presente in tali distretti, malattie che colpiscono direttamente l’apparato locomotore, ovvero gli organi di movimento quali articolazioni (artropatie), muscoli (miopatie), tendini (tendinopatie), nervi periferici (neuropatie), etc.

Le malattie osteoarticolari sono numerose e dovute a molteplici cause (lavorative ed extra-lavorative), tanto che vengono definite multifattoriali; per il riconoscimento delle stesse come professionali da parte dell’Inail è sufficiente dimostrare all’Istituto che l’attività lavorativa abbia semplicemente aggravato la situazione patologica esistente, senza quindi esserne la causa esclusiva.

Tra le malattie professionali più comuni sono comprese anche la compressione delle radici nervose (spondiloartrosi, ernie discali) e l’intrappolamento di nervi periferici (sindrome del tunnel carpale alle mani, nervo ulnare al gomito, etc.). Le malattie professionali, quindi anche quelle osteoarticolari, si suddividono in due gradi categorie: “tabellate” e “non tabellate”. Nel 2008, con Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, sono state introdotte le patologie “tabellate” che comprendono 17 malattie professionali. Di seguito le categorie delle patologie interessate:
  • Malattie causate da vibrazioni meccaniche trasmesse al sistema mano braccio;
  • Malattia “ernia discale lombare” causata da vibrazioni meccaniche trasmesse al corpo intero e/o da movimentazione manuale dei carichi;
  • Malattie da sovraccarico biomeccanico dell’arto superiore;
  • Malattie da sovraccarico biomeccanico del ginocchio.
La differenza sostanziale tra malattie professionali “tabellate” e “non tabellate” sta nel fatto che per le prime il nesso di derivazione causale dell’attività lavorativa è presunto per legge (e pertanto non deve essere dimostrato), mentre per le seconde l’onere della prova ricade sul lavoratore. Malgrado ciò, l’approccio nella trattazione delle due categorie di malattie è pressoché similare, anche se per le patologie “non tabellate” occorre una maggiore accortezza e supporto dal punto di vista medico.
È bene ricordare che, trattandosi di patologie multifattoriali e quindi causate o concausate da un insieme di fattori, è necessario produrre all’INAIL una descrizione dell’attività lavorativa affinché l’Istituto possa individuare la propria competenza. Per fare ciò nell’anamnesi è fondamentale evidenziare le lavorazioni pericolose segnalando il rischio diretto a cui è stato sottoposto il lavoratore.
Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato Acli presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni:

Sede Provinciale di Alessandria
Via Faà di Bruno 79
Tel. 0131/25.10.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di Casale Monferrato
Via Mameli, 65
Tel. 0142/41.87.11 - Cell. 366.54.93.82

Sede Zonale di Tortona
Via Emilia 244
Tel. 0131/81.21.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di Novi Ligure
Via P. Isola 54/56
Tel. 0143/74.66.97 - Cell. 331.57.46.362

Segretariato Sociale di Valenza
c/o Comunità Parrocchiale
Via Pellizari 1
Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519

Segretariato Sociale di Acqui Terme
Via Nizza 60/B
Tel. 349.97.54.687
2/06/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018