Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Malati a causa amianto e pensione di inabilità

Il 18 luglio scorso è stato pubblicato il Decreto attuativo per l’erogazione di pensioni di inabilità a favore di lavoratori che abbiano contratto malattia professionale per esposizione all’amianto, la Legge di bilancio 2017 aveva stanziato 20 milioni per l’anno in corso e 30 milioni per gli anni successivi
PROVINCIA - Il 18 luglio scorso è stato pubblicato il Decreto attuativo per l’erogazione di pensioni di inabilità a favore di lavoratori che abbiano contratto malattia professionale per esposizione all’amianto, la Legge di bilancio 2017 aveva stanziato 20 milioni per l’anno in corso e 30 milioni per gli anni successivi. 

I destinatari della nuova prestazione sono le persone iscritte all’assicurazione generale obbligatoria o alle sue forme sostitutive ed esclusive, affette da patologie certificate di origine professionale o quale causa di servizio, derivate da esposizione all’amianto. Il requisito contributivo è che la persona abbia almeno 5 anni di contribuzione nell’intera vita lavorativa. Per quanto riguarda il requisito medico legale non è richiesta l’assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa, è sufficiente essere affetti da una delle seguenti patologie: mesotelioma pleurico, o pericardico, o peritoneale, mesotelioma della tunica vaginale del testicolo, carcinoma polmonare o asbestosi. Il Decreto attuativo prevede che la nuova prestazione: 

- è incompatibile con lo svolgimento da parte del titolare di qualsiasi attività lavorativa dipendente o autonoma;
- è incumulabile con la rendita vitalizia INAIL liquidata per lo stesso evento invalidante;
- è incumulabile con altri benefici pensionistici previsti dalla normativa vigente. 

Le domande saranno da inoltrare all’ente previdenziale entro il 16 settembre prossimo per l’anno 2017, mentre per i prossimi anni il termine sarà il 31 marzo. Qualora dalle domande presentate e accolte emerga la possibile insufficienza dei fondi a disposizione, il riconoscimento del beneficio sarà differito tenendo conto dell’età anagrafica, dell’anzianità contributiva e a parità delle stesse, della data di presentazione della domanda. 


Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato ACLI presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni: 
Sede Provinciale di ALESSANDRIA
Via Faà di Bruno 79 -15121 Alessandria
Tel. 0131/25.10.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di CASALE MONFERRATO
Via Mameli, 65 -15033 Casale Monferrato
Tel. 0142/41.87.11 - Cell. 366.54.93.82

Sede Zonale di TORTONA
Via Emilia 244 -15057 Tortona
Tel. 0131/81.21.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di NOVI LIGURE
Via P. Isola 54/56 -15067 Novi Ligure
Tel. 0143/74.66.97 - Cell. 331.57.46.362

Segretariato Sociale di VALENZA
c/o Comunità Parrocchiale Via Pellizari 1 -15048 Valenza
Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519

Segretariato Sociale di ACQUI TERME
Via Nizza 60/B - 15011 Acqui Terme
Tel. 349.97.54.687
2/09/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



EVENTO 40° ANNIVERSARIO REVERCHON
EVENTO 40° ANNIVERSARIO REVERCHON
Inaugurazione DS Store Alessandria - Maurizio Zoccatato GrandiAuto
Inaugurazione DS Store Alessandria - Maurizio Zoccatato GrandiAuto
Inaugurazione DS Store Alessandria
Inaugurazione DS Store Alessandria
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Inaugurazione Ds Store di Alessandria
Inaugurazione Ds Store di Alessandria
“HAKUNA MATATA “ per un pomeriggio e una sera “senza pensieri” al TEATRO ALESSANDRINO SABATO 17 MARZO
“HAKUNA MATATA “ per un pomeriggio e una sera “senza pensieri” al TEATRO ALESSANDRINO SABATO 17 MARZO