Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cultura e Spettacolo

Eva Robin’s nel frigo

Martedì 17, al Sociale di Valenza, in scena uno degli spettacoli teatrali più vorticosi di Copi. Alla regia Andrea Adriatico
Si alzerà alle 20.45 il sipario del palcoscenico del teatro Sociale di Valenza, martedì 17 gennaio. In scena lo spettacolo “Il frigo” di Copi - Raúl Damonte Botana, drammaturgo, scrittore e fumettista argentino - per la regia di Andrea Adriatico, coadiuvato Daniela Cottie e da Maurizio Bovi, con le scene e i costumi di Andrea Cinelli, il repertorio vintage di A.N.G.E.L.O. e Raffaella Cavalieri alla fotografia.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito del Teatro Regionale Alessandrino.
Il frigo è uno dei testi teatrali più vorticosi di Copi, dove si ritrovano concentrati tutti i suoi temi e le sue manie, a cominciare dai sessi indefiniti e dalle violenze a ripetizione. A incarnare l'eroina di questa strana opera è Eva Robin's. Ironica, affascinante, cinica, Eva rivela il suo straordinario talento d’attrice affrontando sola in scena una miriade di personaggi in un meccanismo di veloci trasformismi e moltiplicazioni di identità in cui vestirà via via i panni di una psicanalista svitata, di una madre crudele, di una serva irriverente, di un editore megalomane: tutte proiezioni immaginarie del protagonista “L”, ex-indossatrice alle prese con il più comune degli elettrodomestici.
Nel Frigo c’è tutta la comicità cinica del teatro surreale e pungente del grande Copi, argentino emigrato a Parigi e morto di aids nel 1987, celebre per i fumetti della “Donna seduta” e per la sua capacità di ridere con sprezzante ironia delle disgrazie e delle ingiustizie della commedia umana.

“Andrea Adriatico, regista fra i più singolari e spiazzanti del "nouveau théatre", restituisce Copi a nuova vita. Per l'algida, raffinata eleganza dell'allestimento; per l'ironica, conturbante disinvoltura con cui Eva Robin's s'abbandona a una dozzina di travestimenti alla Brachetti (ex-indossatrice, colf irriverente, investigatore da comics, saffica psicoanalista, madre snaturata etc.), e alla fine per l'affilata satira anarco-surreale di un milieu borghese che ne risulta”.
Ugo Ronfani, "Il Giorno", 26 aprile 2006

“Copi ed Eva Robin's: un binomio azzeccato. Il regista bolognese Andrea Adriatico coglie nel segno facendo incontrare nel proprio allestimento de Il frigo il genio irriverente e imprevedibile del drammaturgo argentino e il carisma fatto di ambiguità e naturale eleganza della celebre transessuale. Da questo felice connubio scaturisce un lavoro raffinato e divertente, una giostra di trovate e sorprese, ma anche un acidissimo ritratto dell'alta borghesia, fotografata nell'assoluta vanità delle sue manie e dei suoi affanni”.
Valeria Ravera, "Hystrio", luglio-settembre 2006




 
16/01/2012
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi