Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lavoro

Dog sitter o spesa a casa, i 'lavori con le App' dimenticati, in cerca di tutele

La Regione Piemonte porterà in parlamento una proposta di legge per regolamentare i lavoratori del food delivey dopo il caso Foodora. Ma ci sono altre attività di servizi non ancora ben conosciuti né tutelati
 ALESSANDRIA – La politica si è mossa. Dal Consiglio Regionale è uscita una proposta di legge al Parlamento per regolamentare i lavori “mediante piattaforme digitali", presentata dal Capogruppo di LeU Marco Grimaldi. La legge, sottoscritta da molti consiglieri di maggioranza e infine sostenuta anche dal Movimento 5 Stelle, potrebbe creare un precedente importante non solo a livello nazionale, ma anche europeo. “Finalmente i politici hanno capito. Siamo già in ritardo, ma è comunque un primo passo per sensibilizzare il legislatore”, commenta Aldo Gregori segretario Uil Alessandria, tra i primi come sindacato ad indagare sul mondo della gig economy con un sondaggio provinciale, proprio per capirne meglio le dinamiche con l’intento di regolamentarlo.

La proposta di legge ridefinisce l’inquadramento dei lavoratori attraverso contratti chiari e trasparenti, per riconoscerne diritti e tutele, per contrastarne la precarietà e, infine, per impedire che siano aggirate molte delle regolamentazioni previste dai contratti collettivi nazionali, come le tutele in caso di malattia, la libertà di opinione e il divieto di discriminazione. Si inquadra il lavoro come dipendente, sparisce la retribuzione a cottimo.

L’interessamento della politica torinese nasce dopo il caso Foodora: il tribunale ha dato ragione ai dieci fattorini a cui è stato riconosciuta tutela lavorativa, ma non il reintegro alle dipendenze. Però la proposta di legge regionale, fa notare Gregori è cucita addosso per quel tipo di lavoro. “Al di là dei giganti del food delivery”, sottolinea Greori, “Esiste un mondo di piccole piattaforme di lavoretti diversi dalla consegna del cibo, che non rientra nel settore logistica. Dal dog-sitter alla badante, dell’idraulico a domicilio, spesa, consegna medicine. In alcuni casi diventano veri e propri lavori principali – con il problema della tassazione estera – con professionisti di mezza età iscritti anche su quattro app”.

Qui deve entrare in gioco la lungimiranza del legislatore: “Quello che oggi può essere considerato un lavoretto per arrotondare dev’essere analizzato più su larga scala e nel medio periodo: tra quindici anni l’impatto sociale di queste persone senza tutele e previdenza sarà molto grande, e ricadrà su tutti”.
28/01/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile