Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Politica

Alluvioni Piovera, ecco perchè si deve fare

Via libera della Regione e del consiglio provinciale alla nascita del nuovo comune che nascerà dalla fusione di Alluvioni Cambiò e Piovera. Tra ottobre e novembre ci sarà in referendum. I due sindaci: “ecco perchè conviene e perchè non finirà come a Cassano e Gavazzana”
POLITICA – I primi passi sono stati fatti e ora si va dritti al referendum consultivo popolare: potrebbe nascere già a gennaio 2018 il nuovo comune Alluvioni Piovera, nato dalla fusione di Alluvioni Cambiò e Piovera.
L'altro giorno i due sindaci, Enrico Boccaleri per Piovera e Giuseppe Francesco Betti per Alluvioni, hanno illustrato l'accordo al consiglio provinciale, che ha dato parere favorevole unanime.
Il primo caso di fusione, in provincia, fu quello tra Cassano Spinola e Gavazzana, che dovrebbe essere operativo da gennaio. Il condizionale, però, è d'obbligo perchè gli abitanti di Gavazzana al referendum hanno votato in massa “no” alla fusione, peraltro già approvata dal consiglio comunale e accolta da Regione e Provincia. E la nuova amministrazione ha annunciato di voler ricorrere al Tar per bloccare il procedimento. 
Il nostro caso è differente rispetto a Cassano e Gavazzana – premettono i due sindaci di Piovera e Alluvioni – intanto perchè la dimensione dei due comuni è simile (circa 900 abitanti ad Alluvioni e 850 a Piovera, ndr). Abbiamo tenuto diversi incontri con la popolazione, almeno quattro. La nostra impressione è che ci sia il consenso dei cittadini”.
I due centri fanno già parte di un'unione di comuni, che comprende anche Sale e Molino dei Torti. “Diversi servizi sono già in comune. Non ne verrebbero tolti, piuttosto aggiunti. Ossia, se una sede è chiusa, i cittadini si potranno rivolgere all'altra, solo per fare un esempio”. Sempre insieme le due municipalità amministrano già l'asilo, un fiore all'occhiello, tanto per portare un altro esempio, e i trasporti. E poi il nome (che non è solo una formalità): Alluvioni Piovera, da cui si capisce che sarà una fusione e non altro.
La premessa all'unione è, però, la medesima: trasferimenti ridotti all'osso, poche risorse e difficoltà di gestione. Stato e Regione garantiranno risorse per premiare il “coraggio” dei due centri: nelle casse del nuovo comune dovrebbero arrivare 680.814 euro di trasferimenti, più oltre 2 milioni di finanziamenti, che saranno equamente divisi: 50% a favore dei cittadini, sotto forma di risparmi su tasse comunali (come l'abolizione dell'addizionale Irpef) e 50% in opere pubbliche.
“Occorre tenere presente anche il patrimonio ambientale e comunale che sarà messo a fattore comune, dai centri sportivi, all'area parco, al castello”. Alluvioni Piovera, diventerà “il luogo ideale per vivere come si si fosse in una località turistica”, dicono scherzando Boccaleri e Betti. Ma ci credono davvero.
Dopo il via libera dei due consigli comunali, Provincia e Regione, la “pratica” torna a Torino. Palazzo Lascaris dovrà pronunciarsi entro il 31 luglio. Poi sarà indetto un referendum, da tenersi tra i 1 ottobre e il 15 novembre. Se anche le cittadinanze si esprimeranno per i si, si scioglieranno le due amministrazioni per darne vita, a gennaio, ad una nuova in cui sarà garantita la rappresentanza delle due municipalità che manterranno il presidio su entrambe i territori.
14/07/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Inaugurato il nuovo stabilimento Gualapack in Ucraina: produrrà imballaggi dedicati ad alimenti per l'infanzia
Inaugurato il nuovo stabilimento Gualapack in Ucraina: produrrà imballaggi dedicati ad alimenti per l'infanzia
Gli obiettivi della Cisl Al-Asti al Congresso nazionale a Roma
Gli obiettivi della Cisl Al-Asti al Congresso nazionale a Roma
 Bonus mamma, bebè e permessi: ecco tutte le novità
Bonus mamma, bebè e permessi: ecco tutte le novità
Aliante precipitato, le immagini
Aliante precipitato, le immagini
I 203 anni dell'Arma dei Carabinieri
I 203 anni dell'Arma dei Carabinieri
Una domenica pomeriggio in occasione delle Cantine Aperte nella distilleria di Altavilla della famiglia Mazzetti
Una domenica pomeriggio in occasione delle Cantine Aperte nella distilleria di Altavilla della famiglia Mazzetti