Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Calcio

A Valenza dilaga Capellini

L'ala orafa mette in scena il suo show sotto il diluvio e trascina la Valenzana verso la seconda vittoria in stagione. Agganciata l'Alessandria, ora il Borgo a Buggiano è solo a due lunghezze. Mercoledì impegno infrasettimanale con il Piacenza per la Coppa Italia
E finalmente è arrivata la vittoria. Mancava da tanto, troppo tempo. Esattamente, dalla seconda giornata, quandogli uomini di Rossi reduci da un buon pareggio con il Lecco stesero il Bellaria. Era l'11 settembre e da quel giorno tutte le buone promesse sembravano essere state imprigionate in una sorta di incantesimo, dato che dei tre punti si erano ormai perse le tracce. La Valenzana ritrova la retta via sotto il diluvio, quasi la pioggia volesse in qualche modo essere purificatrice. La partita era di quelle che, nel corso della stagione, possono indirizzare l'annata in un senso o nell'altro, partite che a loro modo possono segnare una svolta. La classifica, del resto, parla chiaro: la Valenzana, oggi, occupa la posizione che deve occupare, perchè il suo obiettivo è quello di raggiungere una salvezza che sarà lottata punto su punto. E oggi la classifica ci racconta che la Valenzana deve fare il proprio gioco non tanto su un'Alessandria che pur essendo stata agganciata ha un organico per poter risalire almeno a metà gruppo entro fine anno, bensì su compagini come Renate, Sanbonifacese e, appunto, Borgo a Buggiano. Si trattava, dunque, di uno scontro diretto, di un crocevia fondamentale nell'ambito della stagione rossoblu. E gli orafi non hanno assolutamente tradito. Anzi, hanno fatto anche qualcosa in più. Perchè la Vale scesa in campo in un Comunale a tratti ai limiti della praticabilità non solo ha vinto, ma ha anche confezionato una gradevolissima prova anche dal punto di vista estetico, tentando di giocare bene dove giocare normalmente era già di per sè difficilissimo, motivo per cui gli uomini di Rossi raccolgono un risultato che vale certamente doppio.

CAPELLINI IN VERSIONE DINHO, AL BORGO NON BASTA IL CUORE - Musa ispiratrice e vero e proprio matattore della giornata è Capellini, che sembra aver montato le gomme heavy rain a differenza di tutti gli altri che hanno scelto le slick. L'ala orafa ex Bologna danza sotto la pioggia al ritmo di un calcio che sembra andare a velocità doppia, e lo fa con un passo ed un'eleganza che è del tutto estranea al tipo di gioco che impongono solitamente i campi vessati dal maltempo: tocchi di prima, accelerazioni, dribbling, finte, doppi passi, il repertorio è dei più assortiti insomma. E alza il livello tecnico di una partita che è giocatissima fin dai primissimi minuti. Il primo sussulto lo regala il Borgo a Buggiano, che rischia di passare in vantaggio quando Paganelli serve un bellissimo filtrante al limite dell'area per Grassi che da defilato prova ad incrociare di destro sul secondo palo. Azione da manuale del calcio, ma la punta ospite è beffata dal palo, sul quale il proprio tiro si infrange prima di attraversare l'intera area di porta e terminare in angolo. Nella prima mezz'ora il Borgo è tutto qui, salvo un maldestro disimpegno di Serena che con uno scivolone su rinvio rischia di compromettere una gara che già nella prima frazione di gioco si dirige sui binari della Valenzana. E' proprio Capellini a mandare in vantaggio gli orafi sfruttando alla perfezione l'assist filtrante di Pagan e battendo nell'uno contro uno Strambi. La rete sveglia il Borgo, che prova immediatamente a reagire. Ci prova prima di rigore, provocato da Blondett, ma Paganelli centra in pieno Serena dagli undici metri, poi il pareggio arriva su tocco morbido di Grassi, il migliore tra i suoi. La Vale però non ci sta minimamente e, con merito, trova il nuovo vantaggio praticamente sulla sirena: ancora una volta è Capellini a dipingere la discesa con la quale, in paso doble, dribbla i difensori del Borgo come paletti, e poi a suggerire l'assist per Miracoli, che trova il quinto centro in campionato appoggiando comodamente la palla in rete.

IL BORGO RIAPRE, LA VALE NON CHIUDE MA VINCE - Primo tempo infuocato ma la seconda frazione di gioco non è certamente da meno. La Vale scende in campo convinta di chiudere definitivamente i conti e prima sfiora il doppio vantaggio con Miracoli, che fa tutto bene tranne tirare dopo 50 metri di scatto ad inseguire il lancio di Forino, poi la massima distanza viene effettivamente raggiunta grazie a Chiazzolino: Capellini è implacabile e sguscia in area in mezzo a tre avversari e prova a beffare in scivolata Strambi. Palla che lentamente si stampa sul palo e viene raccolta da Chiazzolino, che impreziosisce la propria prova con la rete del 3-1. Ma non è ancora finita. Il Borgo infatti riapre i conti con la rete di Checchi, bravo a staccare più alto di tutti su corner. In verità i conti la Valenzana potrebbe chiuderli definitivamente con qualche minuto d'anticipo rispetto al novantesimo, ma Miracoli sparacchia a lato il rigore che Abisso concede quando Strambi non può fare altro che immolarsi e travolgere lo stesso Miracoli tutto solo in area su errato disimpegno difensivo. Il gesto estremo, ovviamente, vale la superiorità numerica per una Valenzana che anche se non riesce a chiudere amministra, gestisce, non soffre e porta a casa tre punti che possono far rima, finalmente, con rinascita.

VALENZANA – BORGO A BUGGIANO: 3-2 (2-1)
MARCATORI: 26'pt Capellini, 36'pt Grassi, 43'pt Miracoli, 26'st Chiazzolino, 30'st Checchi
VALENZANA (4-3-2-1): Serena; Berselli, Allegrini, Blondett, Forino; Righini (14'st Laezza), Serao, Chiazzolino; Pagan (47'st Uggeri), Capellini (33'st Crescente); Miracoli (a disp.: Stillo, Lorusso, Rebolini, Marafioti) All.: Rossi
BORGO A BUGGIANO (4-4-2): Strambi; Tafi, Castaldo, Checchi, Lorenzini; Stella (27'st Di Crescenzo), Mugelli (38'st Grandi), Gialdini, Maretti; Paganelli (1'st Rocchi), Grassi (a disp.: Settepassi, Crociani, Santini, Di Stefano) All.: Colonnello
ARBITRO: Abisso (Andreoli – Bagnari)
NOTE: giornata piovosa, campo ai limiti della praticabilità. Spettatori 100 circa. Ammoniti: Blondett, Allegrini Al 38' st espulso Strambi per condotta gravemente antisportiva Angoli: 4-5 Recupero: 1'pt, 5'st


6/11/2011
Riccardo Robotti - riccardo.robotti@alice.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018