Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

La citt col fiato sospeso per Andrea Pestarino

Rimangono gravi le condizioni del giovane ciclista coinvolto domenica scorsa in un incidente mentre era impegnato nella manifestazione "Ovada in randonne"
 OVADA - La città si stringe attorno a Andrea Pestarino a due giorni dal terribile incidente di domenica scorsa mentre il giovane atleta era impegnato nella “Ovada in randonnèe”, manifestazione ciclistica non competitiva organizzata da Uà Cycling Team. Anche nella giornata di ieri i Carabinieri di Ovada hanno lavorato per individuare con precisione la dinamica della scontro che ha coinvolto la Ford Focus guidata da una ragazza, 24 anni, allo stato attuale denunciata per lesioni stradali gravi. Pestarino rimane ricoverato in Rianimazione presso l’ospedale Santi Antonio e Biagio di Alessandria: le sue condizioni sarebbero stabili anche se rimangono gravi. La prognosi è riservata. Lo scontro è avvenuto sulla provinciale 185, all’altezza della pizzeria La Grimalda, in località San Carlo, un rettilineo che porta verso Predosa. La conferma è quella della presenza a bordo dell’auto di una seconda persona che avrebbe confermato l’ipotesi di una repentina sterzata causata dall’improvvisa presenza sulla strada di un capriolo che avrebbe portato il veicolo a invadere la corsia opposta proprio mentre arriva la bicicletta della vittima. Tra i tanti ciclisti impegnati nella manifestazione nessuno avrebbe visto nulla. Tra i primi a sopraggiungere il sindaco di Ovada, Paolo Lantero, tra gli atleti partecipanti, che avrebbe chiamato i soccorsi. Nel frattempo la città è col fiato sospeso in attesa di una svolta positiva nelle condizioni di Pestarino. La società ciclistica Uà Cycling Team, per la quale il ragazzo è tesserato, non commenta ma con una nota ufficiale nella giornata di ieri ha ribadito il carattere non competitivo della manifestazione.
9/10/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus