Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cuccaro Monferrato

Il Premio "Nils Liedholm" 2016 va al "Barone" Claudio Ranieri

Count-down per la sesta edizione del riconoscimento intitolato all'indimenticato Nils: in programma mercoled 5 ottobre alle ore 12 a Villa Boemia la cerimonia di consegna dell'edizione 2016 del Premio "Nils Liedholm" assegnata a Claudio Ranieri
CUCCARO MONFERRATO - “Per i valori umani di sobrietà, stile ed eleganza mantenuti nel tempo uniti dall’altissima professionalità dimostrata nel corso della propria lunga carriera, coronata in un’impresa sportiva di valore assoluto a livello internazionale”.  E' questa la motivazione con cui il Premio "Nils Liedholm" 2016, istituito in memoria del campione di calcio svedese scomparso a Cuccaro Monferrato nel 2007, è stato assegnato a Claudio Ranieri, il tecnico romano che con la determinazione del vincente vero, ha guidato il Leicester City in una delle più belle e commoventi favole sportive dell’era moderna.

Il Premio "Nils Liedholm", riconoscimento che ogni autunno viene assegnato ad uno sportivo che si sia distinto non soltanto per i risultati vincenti, ma anche - e forse soprattutto - che nel suo operato si sia messo in evidenza per lo stile, l'eleganza, la correttezza e la lealtà che sempre hanno contraddistinto la vita calcistica e non del "Barone" Liedholm, dopo Carlo Ancelotti(vincitore dell'edizione 2011), Vicente del Bosque (2012) e Michel Platini (2013), Paolo Maldini (2014), Roberto Donadoni (2015) va dunque, quest’anno, a Claudio Ranieri. 

"Questa del 2016 - dice il Sindaco di Cuccaro Monferrato, Fabio Bellinaso – è la prima edizione del secondo lustro del Premio ed ogni anno che passo, rileggendo ed aggiornando l’Albo d’Oro, rimaniamo noi stessi sempre più stupiti ed orgogliosi di aver portato fra le nostre colline personalità così prestigiose del mondo dello sport. Tutto questo, non ci dimentichiamo né stanchiamo mai di ribadirlo, lo dobbiamo a Nils Liedholm: il segno che ha lasciato nel mondo del calcio e, più, in generale in quello dello sport tutto, è davvero indelebile, al punto che tutti i personaggi che abbiamo chiamato non hanno mai esitato un attimo e si sono sempre dichiarati molto orgogliosi di ricevere questo riconoscimento. Ecco, credo che questo regalo che ogni anno il Barone Liedholm continua a fare al nostro paese ed in generale a questo piccolo angolo di Monferrato, debba essere preso come esempio: dobbiamo imparare dal suo stile, dalla sua determinazione e dalla sua voglia di non subordinare mai i propri valori ad una vittoria, se vogliamo riscoprirci e comportarci davvero da comunità. Dovremmo imparare – ed è quello che con il Premio vogliamo trasmettere anche alle generazioni più giovani, anche a quelle che non hanno avuto la fortuna di conoscere da vicino il “mito di Nils Liedholm”, che cos’è davvero una squadra e come si deve lavorare da squadra, per ottenere i risultati. Siano essi sportivi, su un campo di pallone, o strategici, per la promozione e la valorizzazione di una comunità e di un territorio tutto.Quest’anno il Premio va a Claudio Ranieri, splendido ambasciatore di stile, umiltà e mentalità vincente nel mondo: anche da lui, come da Nils, possiamo imparare molto”.

Molti i personaggi del mondo dello sport attesi anche quest’anno a Villa Boemia per la cerimonia di consegna del Premio 2016 fra i quali: Alberto Cerruti, firma della Gazzetta dello Sport e sostenitore appassionato di tutte le iniziative in memoria di Nils Liedholm, al quale va un particolare ringraziamento per il sostegno sincero e affettuoso che da sempre dà all’organizzazione della manifestazione, Nicola Roggero, voce molto nota di Sky che, come ormai da tradizione, condurrà la cerimonia di assegnazione del Premio 2016, e molti altri esponenti del calcio, del mondo dello sport e del giornalismo sportivo. Claudio Ranieri ritirerà il Premio dalle mani di Carlo Liedholm, figlio dell’indimenticato Nils.


30/09/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus