Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serie C - girone A

Grigi devastanti, Carrarese travolta dalla manita...e Fischnaller ne fa tre!

L'Alessandria travolge la Carrarese - in dieci per tutto il secondo tempo - e riscatta il pareggio di sabato con la Giana Erminio: tripletta di uno strepitoso Fischnaller, le altre due reti le firmano Chinellato su rigore e Bellazzini nella ripresa
ALESSANDRIA - Ha l’occasione per un pronto riscatto l’Alessandria che al “Moccagatta” tre giorni dopo la beffa con il Giana Erminio ospita la Carrarese di Baldini, tre punti più avanti in classifica con una gara in più disputata.

Il primo brivido per i tifosi di casa arriva al 9’ quando Vassallo parte in progressione e viene fermato in area dalla coppia Giosa-Gazzi: l’arbitro correttamente non ravvisa il falllo e l’azione può proseguire. L’Alessandria risponde tre minuti dopo: Baraye stende Celjak lanciato sulla fascia e viene ammonito, Bellazzini batte la punizione e trova la testa di Chinellato che però colpisce la traversa ed anche il secondo tentativo ha poca fortuna e finisce sul fondo. Poco dopo il quarto d’ora Vitturini atterra per l’ennesima volta Fischnaller, Bellazzini batte da sinistra e sulla corta respinta della difesa arriva proprio l’attaccante altoatesino che ribadisce in rete. Al 22’ l’Alessandria potrebbe raddoppiare al termine di un’azione da manuale cominciata da Nicco che recupera e difende un pallone innescando Sestu sulla fascia bravo a trovare sul secondo palo Fischnaller che prova il colpo di testa mandando la palla appena sopra la traversa. Meno di un minuto dopo il numero 11 viene pescato ancora in ottima posizione da un traversone di Celjak ma il tiro al volo svirgola il pallone che finisce sul fondo. Al 25’ Bellazzini controlla bene un pallone e si guadagna un rigore venendo abbattuto in area: si incarica della battuta Chinellato che non sbaglia e l’Alessandria raddoppia.

Memore di quanto successo tre giorni prima i grigi non abbassano il ritmo e prima della mezz’ora arriva anche il 3-0 con Sestu che con una magia mette palla sul secondo palo per Fischnaller che questa volta non sbaglia. La difesa dell’Alessandria è un muro mentre quella della Carrarese non riesce a trovare le misure per contenere gli avversari che vanno vicini al quarto gol al 32’ con Sestu che con una palombella deliziosa trova Chinellato solo davanti a Borra ma il suo colpo di testa finisce sopra la traversa. Tavano avrebbe sui piedi la palla per riaprire la contesa al 37’ ma Vannucchi è bravissimo a deviare in angolo la girata a botta sicura del fantasista al quale era comunque stata segnalata una posizione di fuorigioco. Il disastro per la Carrarese si manifesta al 39’: Murolo stende Chinellato in area rimediando un cartellino rosso ed il secondo rigore di serata, Bellazzini grazia i toscani facendosi parare la conclusione da Borra e Piccolo lo imita sugli sviluppi dell’angolo seguente mandando la palla in gradinata da dentro l’area piccola. Mister Baldini capisce il momento difficile dei suoi e rivoluziona la squadra con quattro cambi contemporaneamente ridisegnando la squadra con un 4-3-2 che vede l’esperta coppia Tavano-Coralli in attacco. 

La ripresa date le premesse diventa più un allenamento che un incontro di campionato: Sestu pur calando i ritmi continua a dominare la sua fascia mettendo in mezzo palloni che però né Chinellato né Fischnaller riescono a trasformare - almeno nelle fasi iniziali - nel quarto gol. Marcolini capisce l’andazzo ed inserisce Russini per Chinellato. A scuotere dal torpore nel gelo della serata alessandrina al 18’ arriva il poker firmato da Fischnaller con una girata repentina in posizione più che sospetta di fuorigioco non segnalata dal guardalinee che scatena le proteste dei giocatori della Carrarese. I grigi non hanno però intenzione di fermarsi e così al 24’ arriva la “manita”: a calarla è Bellazzini che riscatta l’errore dal dischetto con un diagonale preciso dalla sinistra e finalizza uno spunto di Russini. A partita abbondantemente decisa è il momento dell’esordio per due dei tre giocatori che Marcolini mette in campo al 28’: Lovric e Usel bagnano così la loro prima presenza in Serie C con la maglia dei grigi e con loro entra anche Kadi. Negli ultimi minuti inizia a piovere e l’arbitro Proietti decide di non protrarre la gara oltre il 90’: al triplice fischio parte la festa dei tifosi rimasti sugli spalti ad applaudire un’Alessandria che ha imparato dai propri errori ed ha ricominciato a correre.


ALESSANDRIA - CARRARESE 5-0 
Reti: pt 18’ Fischnaller, 25’ Chinellato rig., 28’ Fischnaller; st 18’ Fischnaller, 24’ Bellazzini.

Alessandria (4-3-3): Vannucchi 6; Celjak 6, Piccolo 6.5 (28’ st Lovric ng), Giosa 6.5, Sciacca 6; Nicco 6.5 (28’ st Usel ng), Gazzi 6.5, Bellazzini 7; Sestu 8 (28’ st Kadi ng), Chinellato 6.5 (14’ st Russini 6.5), Fischnaller 7. A disp. Pop, Lovric, Ranieri, Marconi, Gjura, Usel, Ragni, Gatto, Kadi, Barlocco. All. Marcolini
Carrarese (4-4-2):
Borra 6; Vitturini 5, Ricci 5, Murolo 4, Baraye 5.5 (42’ Coralli 5.5); Vassallo 6 (42’ Tortori 5), Cardoselli 6 (42’ Tentoni 5), Agyei 5.5, Bentivegna 5.5 (28’ st Cais ng); Biasci 5.5 (42’ Benedini 5), Tavano 5.5. A disp. Lagomarsini, Andrei, Rosaia, Benedetti, Foresta, Possenti, Marchionni. All. Baldini

Arbitro: Proietti di Terni 7

NOTE: Serata fredda, campo in ottime condizioni. Spettatori 2200 circa. Borra para un rigore a Bellazzini (40’).

Espulso Murolo (39’) per fallo da ultimo uomo.
Ammoniti Usel, Russini; Baraye, Tortori.
Angoli 4-5. Recupero pt 2’; st
20/03/2018
Fabrizio Merlo - sport@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus