Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

La casa solare costruita in Cina è anche un po' alessandrina

Sebbene viva ed insegni a Torino, il prof. Mauro Berta è alessandrino. Il suo team ha sbaragliato i concorrenti nella costruzione di una 'casa solare' autonoma energeticamente e già pronta per essere vissuta
ALESSANDRIA - La Casa solare, autonoma dal punto di vista energetico e interamente progettata e costruita dai 17 studenti di ingegneria e architettura del Politecnico che hanno lavorato insieme ai docenti dell’ateneo e ai loro colleghi della South China University of Technology (SCUT) di Guangzhou, si è aggiudicata il primo premio alla Solar Decathlon China 2018.

“Decathon” perché le squadre dovevano superare ben dieci prove, i criteri di valutazione, molto pratici, proprio per dimostrare che la casa fosse edificabile, vivibile e vendibile già da subito.

“Abbiamo costruito una casa per una famiglia medio borghese, confortevole ma accessibile sul mercato immobiliare”; spiega il capo progetto, il professore alessandrino – Mauro Berta – non dovevamo progettare la casa del futuro, ma un edificio che potesse già essere disponibile ed utilizzabile: uno dei criteri era proprio il market appeal”.

In tre settimane, il team ha costruito una casa vera, con caratteristiche di autonomia energetica e sostenibilità uniche, che ha sbaragliato la concorrenza di altri 21 progetti delle migliori scuole di architettura del mondo, aggiudicandosi il primo posto nella competizione.

Si tratta di uno dei più importanti concorsi internazionali di architettura, riservato a team congiunti di docenti e studenti delle principali scuole di architettura a livello globale. La casa è stata ‘testata’ direttamente dai componenti del team: “L’hanno vissuta proprio per provarne la funzionalità come se ci vivesse veramente una famiglia”, spiega Berta, “con prove di rendimento molto casalinghe (lavaggi, cena, piatti, docce..)”.

Dopo aver concluso la fase di progettazione prevista dall’organizzazione del contest e aver avviato lo scorso aprile la costruzione preliminare dell’edificio presso il Campus di SCUT a Guangzhou, il team ha quindi completato la costruzione nella sua collocazione definitiva. “Abbiamo utilizzato modelli storicamente già presenti in Nord Europa, ed adattati al clima cinese. Le tecnologie utilizzate sono già conosciute, proprio perché non si doveva trattare di un prototipo”.

Il Politecnico ha partecipato al contest con una squadra coordinata dai professori Mauro Berta – alessandrino che vive a Torino – Michele Bonino, Orio De Paoli, Enrico Fabrizio, Francesca Frassoldati, Marco Filippi, Matteo Robiglio, Valentina Serra, Edoardo Bruno.

“La conclusione di questa sfida – al di là di quelli che saranno gli esiti del concorso, che mi auguro positivi – è già di per sé un risultato significativo”, commenta Mauro Berta, coordinatore del Team: “Il contest ha infatti contribuito a consolidare ulteriormente il legame di collaborazione con la South China University of Technology e, in più, con altre occasioni di ricerca operativa che si sono concretizzate recentemente costituisce un segno della presenza del Politecnico in Cina come aggregatore di competenze qualificate”.

Tutte le abitazioni in concorso sono state costruite proprio per creare un quartiere residenziale altamente efficiente. Verranno acquistate dalla municipalità e messe sul mercato.
 
3/09/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi