Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e lavoro

Le fabbriche si fermano per chiedere più sicurezza

Le tute blu scioperano in tutta Italia per dire basta alle morti sul lavoro. "Dall’inizio dell’anno 500 lavoratori sono morti mentre lavoravano. È un dato inaccettabile", dicono i sindacati. "Serve un contratto nazionale che affronti queste tematiche e renda più forti i lavoratori nella difesa dei propri diritti"
PROVINCIA – Sciopero nazionale del settore metalmeccanico. Oggi, mercoledì 21 settembre, le tute blu si fermano in tutta Italia per dire basta alle morti sul lavoro. "Giovedì 15 settembre la tragedia di Piacenza in un’azienda di logistica, il 16 settembre, a distanza di poche ore una dall’altra, la morte di un lavoratore all’Ilva di Taranto e quella di un lavoratore dell’Atac, azienda dei trasporti romana – spiegano le segreterie provinciali di Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil – Dall’inizio dell’anno 500 lavoratori sono morti mentre lavoravano. È un dato inaccettabile, che rappresenta una situazione drammatica".

Oggi, a fine turno o a fine giornata a seconda dei casi, i metalmeccanici si fermeranno per un’ora, per protestare contro le morti bianche, che "non sono mai la conseguenza della fatalità ma sempre della mancanza di rispetto delle imprese per le procedure e le regole di sicurezza e, in generale, della inadeguatezza dei sistemi di prevenzione".

Secondo i sindacati, questa realtà è la "conseguenza di un clima e di comportamenti che valutano la vita e il lavoro e le condizioni in cui si svolge come variabili dipendenti dagli interessi dell’impresa e del profitto", con subappalti e precarietà che "peggiorano le condizioni di lavoro e aumentano le pressioni sui singoli lavoratori".

Fiom, Fim e Uilm chiedono per i lavoratori metalmeccanici "un contratto nazionale che affronti queste tematiche", rendendo "più forti i lavoratori nella difesa dei propri diritti e di una condivisa e diffusa cultura della sicurezza".
21/09/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi