Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
economia e lavoro

Il Distretto del lusso ora 'zoppica'

Il Monitor dei Distretti del Piemonte, realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di IntesSanpaolo, rileva un andamento contrastante. Le previsioni internazionali per il 2017 sono invece incoraggianti
ECONOMIA E LAVORO - “Ancora in territorio negativo l’oreficeria di Valenza (-4,6 per cento, che corrisponde ad una diminuzione in valore assoluto di 20 milioni di euro) a causa della diminuzione delle esportazioni verso Svizzera e Regno Unito. Hanno mantenuto un profilo di crescita le esportazioni verso gli Stati Uniti (+0,2 per cento), mentre hanno ricominciato a crescere le vendite verso la Francia. Lo rileva il Monitor dei Distretti del Piemonte, realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di IntesaSanpaolo, che ha analizzato l’attività delle esportazioni nel terzo trimestre del 2016. Un periodo che ha visto “in arretramento anche le esportazioni del distretto Orafo di Vicenza (-2,1 per cento) a causa della diminuzione delle vendite a Hong Kong, in Francia e negli Emirati Arabi Uniti; aumenta invece l’export del distretto Orafo di Arezzo (+5,8 per cento) che è riuscito a compensare la diminuzione dei traffici verso gli Emirati Arabi Uniti, con l’aumento delle export verso Hong Kong, Stati Uniti, Regno Unito e Repubblica Dominicana”.

Un dato globale, ancora, per comprendere meglio il contesto dell'andamento del distretto valenzano. Francia, Germania, Stati Uniti e Australia sono i mercati in cui più è cresciuto in valori assoluti l’export dei distretti piemontesi. In Francia sono aumentate principalmente le esportazioni di dolci di Alba e Cuneo (+19,7 milioni di euro) e oreficeria di Valenza (+17,8 milioni di euro). In Germania sono stati significativi gli aumenti di esportazioni da parte del distretto del Caffè, confetterie e cioccolato torinesi (+12,3 milioni di euro) e di Vini delle Langhe, Roero e Monferrato (+9,8 milioni di euro). Anche le esportazioni verso gli Stati Uniti sono aumentate, grazie soprattutto ai Vini delle Langhe, Roero e Monferrato (+7,7 milioni di euro). Anche l’Australia si colloca tra i mercati in cui l’export dei distretti piemontesi è cresciuto di più: in particolare si segnala l’aumento di 4,3 milioni di euro di esportazioni del distretto dei dolci di Alba e Cuneo.
Non manca una indicazione per il 2017. “Gli ultimi indicatori congiunturali disponibili – si legge sulla relazione che accompagna l'indagine - segnalano una generalizzata accelerazione della produzione manifatturiera e dei servizi, soprattutto in Europa, negli Stati Uniti e nell’area asiatica. Il mercato europeo dovrebbe continuare a offrire un contributo lievemente positivo alla crescita delle esportazioni distrettuali. I mercati extra-europei torneranno a essere trainanti nel corso del 2017. In particolare, gli Stati Uniti potranno dare una spinta all’export distrettuale. La ripresa delle quotazioni delle materie prime sta poi riportando su un sentiero di crescita molte economie emergenti, Russia in testa”.

In questo quadro non confortano i risultati per il distretto orafo, peraltro previsti in buona misura, della recente mostra di Vicenza. Le cose non sono andate bene, a parte le naturali eccezioni, un po' a causa delle difficoltà internazionali e di alcuni mercati particolarmente volubili, e un po' perché la formula fieristica è quasi priva di efficacia reale. Lo dimostra il numero non certo alto di imprese valenzane che hanno scelto di partecipare, le previsioni di adesione all'evento di Basilea (in tre anni la fiera internazionale più importante è praticamente crollata) e l'andamento del mercato italiano ancora quasi del tutto fermo. In questo quadro procede quasi del tutto in solitaria l'insediamento di Bulgari. Operativo pressoché a regime, sta ancora assumendo personale specializzato.
 
29/01/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Tortona domenica 3 dicembre
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Tortona domenica 3 dicembre
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"