Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Torino

A Torino per mostre e musei a Pasqua e Pasquetta

Il nuovo allestimento del Museo Egizio, al Mao le nuove opere provenienti dall'Estremo Oriente, al Museo del Cinema la Grande Guerra, alla Gam Modigliani e l'cole de Paris, a Palazzo Chiablese Tamara del Lempicka: tutti aperti a Pasqua e Pasquetta
TORINO – È stato inaugurato nei giorni scorsi il nuovo allestimento del Museo Egizio. Nel weekend pasquale, sabato 4 e domenica 5 aprile il nuovo Museo aprirà le porte anche di sera e osserverà un orario prolungato, dalle 8,30 alle 21, lunedì l'apertura è dalle 9 alle 14 (via Accademia delle Scienze, 6). Il Museo Egizio si presenta completamente rinnovato negli spazi e nell’allestimento museale in linea con i più moderni standard internazionali. Il percorso museale si sviluppa cronologicamente e si articola in quattro piani di visita coprendo un arco temporale che va dal 4000 a.C. al 700 d.C. La duplice natura delle collezioni torinesi, in parte antiquarie e in parte archeologiche, è raccontata dalle sale sulla storia del Museo. Tra le molte novità è da segnalare un’area tematica di grande impatto, la Galleria dei Sarcofagi, che ospita al secondo piano alcuni fra i più bei sarcofagi del Terzo Periodo Intermedio e dell’epoca tarda (1100 – 600 a. C) molti dei quali restaurati presso il Centro di Restauro della Venaria Reale con il contributo de Gli Scarabei, associazione dei sostenitori del Museo Egizio.

Per il pubblico sarà come vivere un viaggio nel tempo: la visita si conclude al piano terra fra le statue monumentali, nelle sale allestite dallo scenografo Dante Ferretti che è anche autore del Percorso Nilotico che accompagna il pubblico nella salita, con le scale mobili, alle sale espositive dal primo al terzo piano. I visitatori dell’Egizio possono oggi fruire di ricostruzioni virtuali di alcuni contesti archeologici realizzate nell’ambito della collaborazione scientifica fra Museo Egizio e Istituto Ibam del Cnr. I visitatori possono così vivere l’esperienza della scoperta grazie a video 3D che, basandosi su preziosi documenti di scavo e fotografie d’epoca, ridanno vita alla tomba di Kha, alla tomba di Nefertari e alla cappella di Maia, tutte e tre scoperte da Ernesto Schiaparelli, tra i primi direttori di questo Museo, agli inizi del ‘900.


Dal 3 aprile è di nuovo possibile ammirare nuovamente, al piano nobile di Palazzo Mazzonis, sede del Museo d'Arte Orientale (via S. Domenico 11), le opere provenienti dalle aeree geografico culturali della Cina, dell'Asia Meridionale e Sud-est asiatico. Il nuovo allestimento ha permesso di valorizzare il patrimonio esistente, inoltre l'importate riorganizzazione degli spazi ha permesso di dedicare la grande ala al piano terra alle mostre temporanee. A Pasqua il museo è aperto dalle 11 alle 19, a Pasquetta dalle 10 alle 18 , martedì 7 aprile dalle 10 alle 18 (con ingresso gratuito alle collezioni esclusa la mostra su Marco Polo). All'interno del Palazzo è visitabile anche la mostra Marco Polo. La Via della Seta nelle fotografie di Michael Yamashita, tra gli autori di punta di National Geographic. 76 immagini di grande formato, realizzate in quattro anni, raccontano l’epico viaggio che portò Marco Polo alla scoperta del lontano Oriente, un viaggio che Yamashita ha voluto ripercorrere per celebrare l’impresa del grande viaggiatore. In mostra un reportage di viaggio diviso in 3 sezioni geografiche: da Venezia fino alla Cina, la permanenza in Oriente e il ritorno via mare. Accanto alle immagini, alcuni video documentari, inclusi nella lista dei 20 migliori documentari di National Geographic Channel degli ultimi dieci anni, raccontano l’esperienza di Yamashita lungo la Via della Seta.


Pasqua e Pasquetta anche al Museo Nazionale del Cinema. Domenica 5 e lunedì 6 aprile è aperto dalle 9 alle 20. Al Museo ospitato alla Mole Antonelliana è visitabile anche la mostra Al fronte. Cineoperatori e fotografi raccontano la Grande Guerra. Cento anni fa, la Grande Guerra investe il Vecchio Continente con la sua modernità che, oltre alle armi micidiali, annovera l'utilizzo di nuovi mezzi di comunicazione. Tra queste la fotografia e il cinema si rivelano risorse fondamentali nel definire gli equilibri di potere dei principali paesi belligeranti. La mostra propone un percorso di immagini attraverso 160 fotografie inedite, scattate da Luis Bogino al seguito del Regio Esercito Italiano e dai soldati fotoamatori. Accanto a questo primo tracciato si sviluppa il percorso cinematografico: una selezione di film “dal vero”, girati al fronte e nelle retrovie, e di titoli di fiction di epoche diverse, testimonianza di un'eredità visiva e culturale variamente interpretata nel corso del tempo. Lo sguardo di artisti come Paola De Pietri, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi propone infine una lettura personale della prima guerra mondiale, dei luoghi che essa ha attraversato e di una memoria spesso dimenticata.


Alla Galleria d'arte moderna (via Magenta 31) la mostra Modigliani e la Bohème di Parigi, aperta anche a Pasqua e Pasquetta dalle 10 alle 19,30. La mostra intende presentare, attorno alla figura centrale di Amedeo Modigliani, una significativa raccolta di opere degli artisti della cosiddetta École de Paris, un gruppo di artisti, per lo più di origine ebraica e discriminati nei propri paesi di origine, che si raccolsero nei primi anni del Novecento nella città francese, culla degli impressionisti e dei movimenti di fine secolo. In mostra circa 90 opere racconteranno questa esperienza artistica ‐ accanto a Modigliani alcuni nomi eccezionali come Brancusi, Soutine, Utrillo, Chagall, Gris, Marcoussis, Survage, Picasso - tra cui sessanta capolavori provenienti dal Centre Pompidou di Parigi e da importanti collezioni pubbliche e private d’Europa.


A Palazzo Chiablese in piazza San Giovanni la mostra dedicata a Tamara de Lempicka, allestita a Torino, e con una seconda tappa a Budapest, presenta circa 100 opere in un percorso tematico che permetterà al pubblico di conoscere nuovi aspetti della sua arte. A Pasqua e Pasquetta la mostra è aperta dalle 9,30 alle 19,30.
5/04/2015
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Salice Terme domenica 2 settembre
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Salice Terme domenica 2 settembre